un aiuto x te

CIAO E GRAZIE X ESSERTI FERMATO/A A LEGGERE
QUESTO MIO PICCOLO SPAZIO , SPERO DI POTERTI ESSERE UTILE CON LA MIA ESPERIENZA SUL PROBLEMA DELL ' OBESITA' E QUANTO SEGUE DOPO IL DIMAGRIMENTO



miky

mercoledì 26 ottobre 2011

la fame emozionale (la noia)

Mangiatori annoiati: la noia è probabilmente la più diffusa forma di mediazione emozionale nell'alimentazione ed è spesso associata all'eating emozionale. Per i mangiatori annoiati, infatti, il cibo è l'unico motivo legittimo per poter interrompere un'attività noiosa. Come esempio di questo si può prendere la pausa durante le ore lavorative, quando si beve il caffè e si mangia la brioche: questo è ritenuto accettabile, mentre non lo sarebbe interrompere il lavoro per leggere il giornale o per fare due passi. Anche la casalinga che si ritrova con del tempo libero e non sa che fare, spesso inizia a cucinare e a mangiare.

La noia non è associata a dei sintomi evidenti, è quindi difficile identificare il vero problema. L'analisi, la registrazione del cibo assunto e il controllo dei momenti in cui ci si lascia andare durante la giornata sono gli strumenti impiegati per evidenziare l'associazione del cibo a situazioni nelle quali il soggetto non aveva niente di interessante da fare.

E' quindi utile programmare attività piacevoli, non impegnative e, quando questo non fosse possibile, cercare di svolgere le attività noiose in un luogo dove non vi sia del cibo disponibile. Mangiatori soli: questi soggetti usano il cibo come il sostituto di qualcosa che manca: un compagno, un amico o qualcuno con cui condividere la vita. Purtroppo la situazione viene a peggiorare con il conseguente aumento di peso, poiché aumentano le difficoltà a relazionarsi adeguatamente con gli altri.

Si possono distinguere due tipi di solitudine: la prima è causata dalla mancanza di contatti con gli altri, perciò nei soggetti che ne soffrono bisogna cercare di stimolare il rapporto sociale e con il superamento di eventuali pensieri negativi nei confronti della loro capacità di relazionarsi agli altri e del pensiero pessimistico nei confronti di futuri rapporti.

Il secondo tipo di solitudine è caratterizzato da relazioni interpersonali presenti ma estremamente superficiali, tanto che i soggetti in questione hanno paura di condividere i sentimenti con qualcuno, temendo di essere giudicati negativamente e rifiutati. Per risolvere questa situazione bisogna imparare ad identificare uno o due amici reali, a conoscerli meglio, senza pretendere la perfezione nelle persone prescelte.

Ovviamente questo processo richiede molto tempo, perciò bisogna sempre ricordarsi che le grandi amicizie sono caratterizzate dall'impegno e dal susseguirsi di numerosi alti e bassi e che solo superando le possibili incomprensioni si costruisce una relazione stabile e duratura.

Nessun commento: